02 settembre 2008

Acquazzone, diluvio vs fuoco, incendio

Un grazie di cuore ai web-browser, che con le loro ricerche in rete mi danno sempre una buona occasione per sorridere.

Pertanto, avviso ai naviganti.

Se cercate l'Architetto Paffuto, qua non troverete la lista di tutti quelli che, dopo la laurea, si sono iscritti all'albo ed hanno messo su preoccupanti chiletti.
L'unico inconfutabile paffuto architetto nel quale potreste imbattervi è questo delle foto (quello senza capelli, per intenderci). E magari vi farà piacere sapere che Paffuto è diminutivo di Paffutello di Borgata. E che - ad oggi - lo chiamano così tutti. Madre inclusa.

Siete invece fuori strada se cercate il grembiulino nero per le Winx per i vostri (si spera, le vostre) pargoli. Le sei fatine scaturite dalla (mi si permetta, nabokoviana) mente di Iginio Straffi, infatti, nascono solo nel 2004.
Cioé, 11 anni dopo il mio addio al dorato mondo delle elementari, cui è dedicato questo panegirico al grembiulino.

2 commenti:

marcotossio ha detto...

In cento parole ti scrivo che ho comprato il tuo libro perchè ero curioso di leggere la produzione di un civitavecchiese come me.. Non l'ho ancora finito e devo dire che è confortante sapere che la mia città ha ancora capacità di produrre qualcosa di buono non solo inquinamento ed ignoranza. Queste 10 euro che ho pagato devo ammettere, sono soldi spesi bene e nel mio piccolo ti sto facendo pubblicità con i clienti del mio bar a San Liborio, quartiere popolare dove aprire una libreria sarebbe come fare un esorcismo all'Inferno per cercare di convertire Satana in persona.

Fabrizio ha detto...

grazie, Marco, delle belle parole.
Del nazionalpopularismo culturale e del tessuto sociale inevitabilmente in via di disgregazione a civita ho già parlato.
Pure troppo.
Adesso basta. Uno, due, quaranta, cento, cerchiamo di liberarci di questa nomea, di questo stato mentale.
Come diceva qualcuno, accendiamo i nostri piccoli falò. Almeno gli altri falò sapranno che non sono soli